Skip to main content

Nella rosa della Pro Sesto per la stagione 2022/23, per il secondo anno c’è il difensore Manuel Marzupio.

Manuel, ricordi il tuo arrivo in Pro?
“Certo, venivo da due stagioni in una realtà molto calda del Sud, a Cava dei Tirreni, esperienza importante, non priva di difficoltà, soprattutto nel secondo anno. Sono stato molto contento di arrivare in Pro Sesto, e lo sono ancora di più oggi, perché nella passata stagione, piuttosto complicata, a livello sia di gruppo, sia personale, non ho potuto esprimermi al meglio.”

Quale consideri la tua miglior prestazione in maglia biancoceleste?
“Sicuramente la partita del dicembre scorso contro il Lecco, la mia seconda in assoluto con la Pro.
Giocammo un ottimo match, soprattutto in fase difensiva, e la squadra meritava ampiamente la vittoria. Sono rimasto davvero soddisfatto, contento di quanto avevo fatto vedere in campo quel giorno.”

Quali sono le tue sensazioni per questa stagione?
“Quest’anno sono molto positivo, in parte perché sono ottimista di natura, ma soprattutto perché tutto il mese di lavoro in ritiro mi rende fiducioso in una buona stagione, sia per me, sia per tutta la squadra. Lo staff è molto preparato, la società è organizzata, il gruppo squadra è molto bello e unito.

L’ingresso di tanti ragazzi giovani lo vedo come stimolante, positivo per il gruppo. Tutti i nuovi arrivati sono bravissimi ragazzi e ottimi calciatori e potranno dare un grande aiuto a tutti.”

Quali aspettative hai e quali obiettivi ti poni?

“Le aspettative sono alte, personali e di squadra. Personalmente spero di giocare il più possibile e “testare” il mio livello, capire quanto posso dare. Per la squadra sono ottimista. Anche in un girone tosto e competitivo come quello di quest’anno, che mi ricorda il girone C di qualche stagione fa, noi potremo dire la nostra, e lo faremo perché siamo ben organizzati e desiderosi di fare bene, ovunque.”

Se Manuel Marzupio non fosse un calciatore, oggi cosa sarebbe?
“Probabilmente avrei studiato Medicina. Sono assolutamente affascinato dal corpo umano e mi piacerebbe studiarlo a fondo. Cosa che comunque faccio, dal momento che sono iscritto a Scienze Motorie, purtroppo non in un’università “fisica” per motivi logistici. L’ideale sarebbe stato davvero poter frequentare in presenza Medicina, o anche Fisioterapia. Per applicare poi le conoscenze sempre al mondo dello sport.”

Una tua passione che non tutti conoscono….
“Fin da piccolo ero un appassionato collezionista di figurine, per scambiarle con gli amici. Il mio sogno era ed è tuttora quello di vedere un giorno la mia foto e il mio nome su una figurina!”